Sicurezza sul lavoro: la guida agli aiuti Inail

Migliorare i livelli di salute e sicurezza sul lavoro. E’ questa la finalità del bando Inail Isi 2013, che finanzia a tal fine progetti presentati dalle imprese. A disposizione, per la regione Campania, sono stati stanziati 27 milioni 637 mila euro. La gran parte della misura, oltre il 95%, è destinata a favorire l’attuazione di progetti d’investimento e per l’adozione di modelli organizzativi e responsabilità sociale. La parte restante finanzia la sostituzione e l’adeguamento di attrezzature di lavoro.

Chi puo’ accedere
Beneficiarie dell’incentivo possono essere tutte le imprese, anche in forma di ditta individuale, che abbiano unità produttive operanti nella regione Campania e verso le quali siano indirizzati i progetti. Devono risultare iscritte alla Camera di commercio industria, artigianato ed agricoltura. Non possono accedere ai contributi coloro che hanno già fruito dell’agevolazione nell’arco del triennio 2010-2012.
Progetti ammessi a contributoSono ammessi a contributo i progetti ricadenti in una delle seguenti tipologie:

1. progetti d’investimento (ristrutturazione o modifica strutturale dell’impiantistica degli ambienti di lavoro – installazione o sostituzione di macchine, dispositivi o attrezzature con messa in servizio successiva al 21.9.1996 – modifiche del layout produttivo);

2. progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale;

3. progetti per la sostituzione o l’adeguamento di attrezzature di lavoro messe in servizio prima del 21.9.1996.Le imprese possono presentare un solo progetto, per una sola unità produttiva, su tutto il territorio nazionale, riguardante una sola tipologia tra quelle sopra indicate. Per i progetti di tipologia 2 l’intervento richiesto può riguardare tutti i lavoratori facenti capo ad un unico datore di lavoro, anche se operanti in più sedi o più regioni.

Tetto massimo
Il contributo massimo erogabile oscilla da un minimo di 5 mila euro a un massimo di 130 mila euro, al netto di Iva.L’incentivo serve a coprire fino a un massimo del 65% delle spese considerate ammissibili ed è stanziato a fondo perduto.Le spese ammesse devono essere riferite a progetti non realizzati o in corso di realizzazione prima del giorno 8 aprile 2014. In pratica, possono usufruire del sostegno soltanto le imprese che assumano obbligazioni contrattuali a partire dal 9 aprile dell’anno ormai prossimo.

Termini
Per quanto riguarda i termini di presentazione delle domande, invece, occorre aspettare il 21 gennaio 2014. L’inoltro va effettuato per via telematica ed è possibile fino alle ore 18.00 di martedì 8 aprile 2014.